Atlante di Torino



 

I travet del XIX secolo


Le condizioni di lavoro degli impiegati nell’800, specificate in questo regolamento, ispirarono Vittorio Bersezio per il suo Monssu Travet un’opera teatrale in piemontese composta da Vittorio Bersezio e rappresentata per la prima volta il 4 aprile 1863 al Teatro Alfieri di Torino.

Ignazio Travet, il protagonista, è un impiegato pubblico che ritiene appunto di avere trovato “il posto sicuro” e soprattutto decoroso, ma in realtà non è altro che un umile impiegato che, per quanto sia laborioso, è sempre maltrattato.

Tale raffigurazione non piacque al folto numero di impiegati statali che fischiò l’opera durante la prima; ma in seguito essa ebbe un grande successo, e il nome del protagonista (letteralmente Travicello) entrò nella lingua italiana ad indicare un impiegatuccio vessato.

Dall’opera è anche stato tratto un film, Le miserie del signor Travet, diretto nel 1945 da Mario Soldati, dove il ruolo del protagonista era del torinese Carlo Campanini.

 


 

 

Leggi come Vittorio Bersezio racconta:
la Torino dei primi dell'800.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Torna alla zona - S -