Atlante di Torino


 




Il primo emblema della città: Codice della Catena - 1360


218 ac Annibale assedia (3 giorni) e distrugge la città incendiandola
88ac la legge Pompeiana riconosce la cittadinanza latina e i Taurini sono inclusi alla Gallia Cisalpina
58ac 1° passaggio di Giulio Cesare a Torino
50ac 2° passaggio di Giulio Cesare a Torino mentre si reca al Rubicone
48ac Giulio Cesare per gratitudine concede la piena cittadinanza romana
29-28ac Augusto crea la colonia Augusta Taurinorum
25ac Augusto inserisce a Torino 3000 coloni romani. Torino diventa ”Julia Augusta Taurinorum”

69 grave tumulto tra legionari XIV Gemina Legio e ausiliari della Batavia causa incendio che distrugge parte della città
80 Caio Rutilio Gallico torinese x 2 volte console romano. Torino diventa municipium
193-211 Postumio Mariano primo “curator” municipale di Torino”

270 i Taurini rinforzano le mura per il pericolo dei Marcomanni
288 anno presunto del martirio di Solutore, Avventore e Ottavio della legione Tebea

311 battaglia tra Costantino e Massenzio davanti alla zona ovest della città
380 San Massimo vescovo
398 concilio di 70 vescovi a San Salvatore

400 colonie di barbari Sarmati per ripopolare le città del Piemonte
410 invasioni e saccheggi segnano un periodo di declino
420 muore San Massimo
492-3 I Burgundi invadono la città
497 Teodorico, re d’Italia, libera Torino dai Burgundi

539 Sisige, capo Goto, controlla Torino e il Piemonte
Vittore vescovo di Torino (amplia chiesa S.Martiri)
Tigrido vescovo di Torino
Rufo vescovo di Torino
l’arcidiacono di Rufo va a Moriana per prendere le reliquie di S.Giovanni B. tocca la cassa e dopo 3 giorni muore
562 Ursicino (nato nel 562) vescovo di Torino
570 arrivano i Longobardi, Torino sede di un loro Ducato
590 Agilulfo, duca di Torino, sposa Teodolinda vedova di re Autari e diventa sovrano dei Longobardi

600 Arioaldo nominato Duca di Torino
609 muore Ursicino vescovo di Torino
660 Garipaldo duca di Torino
662 Garipaldo è ucciso da un sicario nel Duomo. La scorta uccide l’assassino
690 Ragimberto duca Longobardo a Torino
691 muore Rustico I vescovo di Torino

770 Andrea vescovo di Torino
773 inizia l’età Franca. Alla Chiusa di S.Michele Carlo Magno batte il longobardo Desiderio
773 alla fine di marzo Carlo Magno è ospitato alla Porta Palatina.
790 i Franchi nominano un conte.
799 Regimiro vescovo di Torino

800 muore il vescovo Andrea
818 Claudio, presule spagnolo, vescovo di Torino, ispiratore dei Valdesi - iconoclasta accusato di eresia
827 più antico documento relativo ai conti di Torino: Ratberto
832 Witgario vescovo di Torino
877 papa Giovanni VIII passa da Torino fuggendo da Roma (minaccia del re Carlomanno)
877 il re d’Italia Carlomanno nomina Suppone conte di Torino
898 muore Amolone (Amulo) vescovo di Torino (dall’878)

901 Eilulfo vescovo di Torino
906 Prigionieri Saraceni in fuga incendiano il convento di S. Andrea (Consolata)
929 Il marchese di Torino, Adalberto, offre ospitalità ai monaci fuggiti dalla Novalesa attaccata dai Saraceni - Guglielmo vescovo di Torino
943 Arduino il Glabro nominato marchese di Torino da Ugo re d’Italia - finisce contea Franca.
945 Ricolfo vescovo di Torino
947 re Lotario a Torino soggiorna alle Porte Palatine
960 2 prigionieri saraceni evadono dal carcere e appiccano il fuoco alla chiesa di S.Andrea
969 Amalrico vescovo di Torino
975 debellato il pericolo Saraceno
989 Amizone, figlio di Arduino il Glabro, diventa vescovo di Torino
997 Amizone vescovo di Torino

1000 intorno all'anno mille Maginfredo lascia la Marca al figlio Olderico Manfredi
1006 Gezone vescovo di Torino
1035 Muore Olderico Manfredi, eredita la figlia Adelaide di Susa che avrà 3 mariti, l’ultimo: Oddone I figlio di Umbero Biancamano
1036 A Pasqua Corrado il Salico dà la Marca di Torino al figliastro Ermanno duca di Svevia
1037 Landolfo è il vescovo di Torino
1040/1 Adelaide di Susa sposa Oddone di Savoia, figlio di Umberto Biancamano.
1046 L’imperatore Enrico III porta a Torino il suo fedele vassallo di Borgogna, Oddone di Savoia (3° marito di Adelaide)
1063 San Pier Damiani in viaggio verso la Francia si ferma alla corte di Torino
1064 Vescovo di Torino è Cuniberto sostiene il papa Alessandro II contro l’antipapa Cadalo di Parma
1077 Adelaide accoglie in Savoia l’imperatore Enrico IV e lo accompagna a Canossa da papa Gregorio VII
1077 Il vescovo Cuniberto e il marchese Pietro di Savoia cacciano l’abate Benedetto dalla Chiusa di San Michele
1081 Muore il vescovo Cuniberto - Vitelmo nuovo vescovo “il più turpe di quanti la terra regge”
1088 Guerra contro Asti
1091 Muore Adelaide di Susa si chiude la dinastia degli Arduinici
1095 L’imperatore assegna la Marca di Torino al figlio Corrado che però si ribella al padre e muore
1097 Umberto II conte di Savoia scende dal Cenisio per occupare i territori in Piemonte (non Torino)
1098 Guiberto vescovo di Torino

1104 20/6 miracolo della Consolata - vescovo è Mainardo
1111 Enrico V firma diploma con diritti di pedaggio per Torino
1116 diploma dell’imperatore Enrico V per proteggere le libertà cittadine e del Vescovo
1125 vescovo di Torino è Bosone - proclama una tregua di Dio tra I vassalli del vescovado
1125 Amedeo III di Savoia assume il titolo di marchese per affermare i suoi diritti sulla Marca
1130 Uberto vescovo di Torino
1135 papa Innocenzo II dal sinodo di Pisa depone Uberto dopo 5 anni di scandali
1136 Diploma di Lotario III che conferma le libertà dei cittadini
1136 Lotario III occupa Torino, distrugge la Rocca Pandolfa e insegue Amedeo III in val Susa
1147 Carlo è il nuovo vescovo di Torino
1148 Amedeo III muore a Nicosia, in Crociata, il 1° aprile
1148 Gli succede il giovane Umberto III (il beato) con i suoi tutori.
1155 Federico Barbarossa a Torino
1158 muore Oddone I, il figlio Pietro (con la tutela della madre) assume il marchesato di Torino e Ivrea
1159 Federico Barbarossa con un diploma proclama la signoria del vescovo Carlo sulla città
1178 Federico Barbarossa è a Torino
1185 Federico Barbarossa torna in città
1196 Enrico VI soggiorna in città dimostrando benevolenza al nuovo vescovo Arduino di Valperga
1196 Tommaso di None, legato imperiale, compare nei documenti come Podestà

1207 Giacomo di Carisio vescovo di Torino
1214 Federico II concede a Bertoldo d’Annone il palazzo imperiale di Torino come feudo
1216 Durante l’inverno durissimo gela iI Po, per il freddo scoppiano molti alberi.
1255 Battaglia di Montebruno: Tommaso di Savoia è sconfitto dagli astigiani e incarcerato a Torino
1257 Tommaso di Savoia rinuncia ai diritti sulla città, è scarcerato, ma deve lasciare i due figli (5 e 6 anni) in ostaggio
1257 tutte le costruzioni private, addossate alle mura, vengono abbattute per favorire la circolazione dei soldati
1257 Viene creata la carica di “Podestà del Popolo” in rappresentanza della classe popolare
1276 L’esercito angioino viene distrutto a Roccavione e Guglielmo di Monferrato ne approfitta per impadronirsi di Torino.
1276 Costruzione della “casa forte”, la parte medievale di palazzo Madama
1280 passaggio della città a Tommaso II di Savoia: fine del libero Comune di Torino

1303 Antonio Zucca fonda due letti nell’ospedale maggiore per i malati poveri
1323 Viene nominato un commissario per frenare l’eccessivo lusso femminile
1331 26 settembre, la piena distrugge il ponte sul Po
1333 Il nuovo ponte sul Po è controllato dal pedaggio al Comune
1338 Pietro e Bertolotto Silo, implicati nella congiura contro Filippo d’Acaja, vengono decapitati
1343 Fondazione della Compagnia di San Paolo
1350 A palazzo Madama si celebrano le nozze tra Bianca di Savoia e Galeazzo Visconti
1374 Concessione a Martino Tintore e Ardizzone di Font del diritto di ricostruzione e pedaggio del ponte sul Po
1374 Per facilitare l’arrivo di nuovi abitanti questi vengono affrancati dal pagamento di ogni tassa
1376 Tassa di tre fiorini “per ogni fuoco”
1381 A palazzo Madama si firma la pace di Torino tra Genova e Venezia

1404 Fondazione dell’Università
1418 gli Acaia devono cedere anche il controllo formale del loro territorio ai cugini Savoia
1424 Amedeo VI di Savoia - Moriana ottiene per sè e per i suoi discendenti il titolo di principe del Piemonte
1427 L’Università si trasferisce a Chieri
1430 Proibita la “Ciabra” (urla e schiamazzi sotto le finestre di chi si sposa in età matura)
1432 L’autorità passa dai 4 “Chiavarii” (tenevano le chiavi della città) ai 2 Sindaci
1436 L’Università torna a Torino
1451 Epidemia di peste
1453 Miracolo Corpus Domini 6/6
1456 Il conte Giovanni De Grassis fonda il primo Collegio Universitario per 4 scolari poveri
1459 Ludovico di Savoia fonda il Senato del Piemonte
1460 Primo bastione di difesa sulle mura progettato da Michele Candie.
1461 Ricostruzione della cappella semidiroccata di Santa Maria a Superga
1472 Violenta rissa all’Università tra professori e studenti per la nomina del Rettore
1474 I francesi Gioannino De Petro e Giovanni fabri stampano il primo libro “Breviarum” di 504 fogli
1475 Jolanda di Savoia nomina Vicario di polizia Borbone De Strata
1476 Carlo il Temerario, con un tranello, rinchiude Jolanda di Savoia nel castello di Rouvre
1491 Prima pietra del nuovo Duomo

1506 Erasmo da Rotterdam si laurea a Torino
1519 Istituzione del primo Monte di Pietà
1521 Epidemia di peste
1536 Devastata dai soldati francesi, Carlo III di Savoia fugge a Vercelli. Iniziano 25 anni di occupazione
1557 battaglia di S.Quintino, gli spagnoli comandati da Emanuele Filiberto battono I francesi
1560 Tutti I documenti devono essere scritti in italiano e non più in francese
1562 Finisce il dominio francese il 14 dicembre Emanuele Filiberto in città
1569 Emanuele Filiberto obbliga i proprietari delle case in rovina a venderle solo a chi si impegna a ricostruirle
1563 Emanuele Filiberto porta la capitale a Torino da Chambery
1564 in due anni (1566) costruita la Cittadella (Francesco Paciotto)
1566 Ristabilità l’Università in città (da Mondovì)
1571 Alla battaglia di Lepanto partecipano 3 galee piemontesi: la Piemontesa, la Margherita e la Capitana
1572 editto favorisce la presenza degli Ebrei per sfruttare le loro abilità finanziarie
1573 Costituito l’ordine di San Maurizio e San Lazzaro
1576 Istituito il “Cavaliere di Virtù” per provvedere ai poveri, reprimere i vagabondi e controllare i sospetti
1578 La Sindone a Torino. – Istituita la confraternita della Misericordia
1578 E.Filiberto riceve alle P.Palatine S.Carlo Borromeo in visita alla Sindone
1580 regna Carlo Emanuele I
1583 L’arcivescovo Gerolamo della Rovere vende per 12.000 scudi d’oro palazzo Vescovile a Carlo Emanuele I
1585 Abbattuta Porta Secusina o Pretoria x ingresso di Caterina d’Austria moglie di C.Emanuele I
1593 tassa a favore degli Istituti di carità per chi si mette in maschera a Carnevale
1598 fino al 1600 peste

1600 Istituito il ”Cavaliere di Giustizia” per la pulizia delle strade, curare i poveri e allontanare i vagabondi
1601 fino al 1613 abbellimento Palazzo Reale e nuova Galleria
1603 editto impone agli ebrei un bracciale giallo, pena multa di 25 lire.
1604 Costruzione della chiesa di S.Andrea (oggi Consolata)
1606 Carlo Emanuele I impone i portici in piazza Castello
1613 Inizio apertura della Contrada Nuova (via Roma tra piazza Castello e San Carlo)
1620 edificazione della Porta Nuova
1621 Istituito il “Magistrato delle fabbriche” per sovraintendere a tutte le costruzioni pubbliche e private
1621 Carlo Emanuele I assegna il feudo di Carignano al figlio Tommaso che darà origine a questo ramo della famiglia
1622 Il pittore Van Dyck si trattiene a corte per due mesi
1627 Si stabilisce l’inizio dell’anno al 1° gennaio (prima era il giorno di Natale)
1629-30 peste
1630 regna Vittorio Amedeo I
1631 Per il gran numero di omicidi viene proibito portare armi corte e coltelli
1637 Muore Vittorio Amedeo I, forse avvelenato dal Maresciallo di Francia Créquy
1637 inizia la Reggenza di Maria Cristina - prima Madama reale
1638 Creata la carica di “Ammiraglio del Po” assegnata alla famiglia Gonteri, passerà ai Doria di Ciriè.
1639 Madama Reale crea il convento di Santa Cristina (la chiesa verrà eretta nel 1648)
1639 Guerra civile tra madamisti e principisti, assedio della Cittadella e della città
1640 Assalto francese ai Cappuccini dove, secondo la tradizione, avviene il miracolo
1640 11/7 fallito tentativo di sortita del principe Tommaso: battaglia a Porta Nuova (3.000 morti)
1640 20/9 il principe Tommaso si arrende
1642 abbattuta porta Principale Destra o Marmorea, costruzione della chiesa di S.Teresa
1645 1/febb. Esce il primo settimanale “I successi del mondo” pubblicato dal sacerdote Pietro Antonio Soncino (chiuderà il 24/12/1665)
1653 8/9 incendio alla chiesa del Corpus Domini
1653 2/12 Iacob Moreno, dalla palestina, è autorizzato a iniziare la coltivazione del tabacco
1655 offensiva contro i Valdesi alla quale partecipano volontari cattolici irlandesi
1656 Consacrata la chiesa dei Cappuccini che sostituisce la fortezza eretta nel 1233, poi Convento
1658 iniziano i lavori x la facciata del nuovo palazzo Ducale, poi reale
1658 11/5 Esce il primo numero della “Gazzetta” di Carlo Gianelli
1659 iniziano i lavori della Venaria reale e del palazzo di Città (6/6)
1663 sale al trono Carlo Emanuele II
1666 arriva in città Guarino Guarini nominato il 19/5/1668 architetto ducale
1667 Un incendio distrugge la galleria del palazzo ducale vecchio
1673 Carlo Emanuele II avvia la 2° espansione urbana (verso il Po) disegnata dal Castellamonte
1673 Inizio apertura della Contrada del Po (via Po), progetto di Amedeo
1675 regna Vittorio Amedeo II
1682 Dal 29 settembre al 29 marzo 1683 siccità assoluta che causa una grave carestia.
1685 2 ottobre inondazione - sempre in ottobre: guerra ai Valdesi.
1678 Apre l’Accademia di Savoia che nel 1680 diventa Accademia Militare in v. della Zecca.
1679 istituito il Ghetto degli Ebrei – Il panettiere Antonio Brunero crea i grissini.
1684 15/3 Vittorio Amedeo II assume la reggenza del Ducato, Madama Reale Giovanna di Namours si ritira a palazzo Madama
1686 Vietato il culto Valdese
1687 Col lascito Ruggero c'è il primo tentativo di creare una biblioteca pubblica.
1694 terminata la Cappella del Guarini che custodisce la Sindone
1696 Un incendio distrugge parte del convento al monte dei cappuccini
1698 28/8 Un fulmine fa scoppiare la polveriera della Cittadella causando parecchie vittime

1701 al 1714 guerra di successione spagnola - assedio di Torino
1705 fino al 1706 assedio di Torino
1706 9/8 Pietro Micca fa saltare la galleria sotto le mura
1706 24/9 esposti in Duomo 55 stendardi (30 di fanteria e 25 di cavalleria) catturati ai francesi
1706 29/9 La Consolata è eletta Patrona della città.
1708 27 filatoi che impiegano 835 persone.
1709 Gelata del Po che può essere attraversato con i carri
1709 Agli Ebrei viene concesso di girare senza il contrassegno a cui erano obbligati dal dicembre del 1603
1713 Inaugurato lo stradone per Rivoli – Inizia la costruzione dell’Università in via Po.
1713 Trattato di Utrecht trasformò il Ducato in regno con Sicilia x Sardegna
1714 3° espansione sull’asse della ritracciata via Dora Grossa - (Juvarra)
1714 26/10 crolla la cupola di S.Filippo, verra ricostruita dallo Juvarra
1716 Viene proibito di mendicare in città e nel territorio circostante
1729 Rettificazione e allargamento delle attuali vie Milano e Corte d’Appello e formazione della via del Carmine.
1730 Regna Carlo Emanuele III
1736 Inizio allargamento della contrada Dora Grossa (via Garibaldi), larghezza 11.10/11.80 metri (4 trabucchi).
1747 Battuti i francesi al Colle dell’Assietta
1758 Rifacimento della strada Vigna della Regina (via Villa della Regina), direttrice foranea, larghezza 17.00/17.60 metri (6 trabucchi ).
1766 Vittorio Alfieri esce dall’Accademia militare di Torino
1767 muore l’architetto Benedetto Alfieri
1772 fino al 1776 il 2° periodo di residenza di Vittorio Alfieri a Torino
1775 esordisce la tragedia Cleopatra
1773 regna Vittorio Amedeo III
1775 Rifacimento di via Palazzo di Città e piazza delle Erbe, progetto Benedetto Alfieri
1780 Il 5 gennaio esce il “Giornale di Torino”
1788 22/12 gelata del Po che consente l’attraversamento con carri e cavalli
1796 regna Carlo Emanuele IV
1798 I francesi occupano la Cittadella - la città vive il riflesso della Rivoluzione Francese.
1799 su influsso francese si iniziano a numerare i portoni con numerazione unica da 1 a 1524
1799 28/1 I francesi sopprimono il tribunale dell’Inquisizione
1799 la coalizione austro-russa caccia i francesi

1800 25/6 I francesi, dopo la vittoria di Marengo, rientrano in città
1800 viene ordinato l’abbattimento di tutte le mura che difendono la città
1800 15/11 riapre l’Università chiusa dal 1792 al 1799 e durante l’occupazione russa
1801 Demolita la Torre Civica di via Dora Grossa e le mura.
1801 11/7 rivolta dei soldati francesi alla Cittadella per ritardo nei pagamenti
1802 Torino e il Piemonte sono annessi alla Francia
1804 Passa a Torino papa Pio VII diretto a Parigi x incoronare Napoleone
1804 22/6 Napoleone dichiara Torino una delle 36 città imperiali
1805 Arriva Napoleone con la moglie Giuseppina
1808 Si numerano i portoni con numerazione propria per ogni via
1808 Abbattuta la galleria che collegava palazzo Madama con palazzo Reale
1808 Il 22 /12 il termometro arriva a -17
1809 si adotta il sistema metrico decimale
1810 10/8 Nasce Camillo Benso conte di Cavour
1810 17/12 rogo di merci inglesi in p.Paesana (Savoia) per protesta contro il blocco
1811 20/3 Un incendio distrugge il Padiglione reale (dove ora c’è la cancellata del palazzo)
1813 17/10 il principe Camillo Borghese inaugura il ponte sul Po.
1814-1815 Il Congresso di Vienna riporta i Savoia e ritorna Vittorio Emanuele I
1814 1/7 istituito il reggimento delle Guardia che poi darà vita ai Granatieri
1814 fondata l’Arma dei Carabinieri (13/7)
1814 regna Vittorio Emanuele I (insediato dal Congresso di Vienna)
1816 1/2 - ristabilita l’Accademia Militare soppressa nel 1798
1817 creati i viali lungo il tracciato degli antichi bastioni
1817 Apertura della strada del Re (corso Vittorio Emanuele II, 1° tratto tra il Po e Porta Nuova), esempio di primo viale di circonvallazione di impianto napoleonico, larghezza 47,50/48.50 (careggiata centrale di 14 metri e due controviali di 7 metri con banchine alberate di 7 metri).
1818 Editto contro I lupi che infestano il circondario
1821 regna Carlo Felice – Arresti degli studenti per i fatti del teatro D’Angennes. Rivolta alla Cittadella.
1821 11/3 primi moti insurrezionali: il capitano Vittorio Ferrero occupa l’ospedale di San Salvario
1821 abdica Vittorio Emanuele
1821 Dei 71 condannati a morte per i tumulti di marzo solo 2 vengono giustiziati, agli altri viene offerto l’esilio in America
1824 il re compra la collezione Drovetti di tesori egiziani dando il via al futuro Museo Egizio
1825 apertura di Piazza Vittorio
1827 Inizia costruzione Gran Madre di Dio - Fondazione Cassa di Risparmio
1828 Il Cottolengo crea la Casa della Divina Provvidenza che inaugurerà la sede attuale nel 1832
1830 Prime grondaie in città in via Nuova e Doragrossa
1831 regna Carlo Alberto
1833 Rodolfo Oberman direttore della scuola militare ginnastica di artiglieria al Castello del Valentino
1834 piano Mosca x Murazzi / Giardino dei Ripari
1835 colera a Torino si distingue Roberto D’Azeglio che apre a sue spese un lazzaretto. 2476 contagiati, 1402 muoiono.
1836 fondazione del corpo dei bersaglieri
1838 Installate le prime cassette per impostare la corrispondenza
1838 4/11 Inaugurata statua di Emanuele Filiberto in p.S.Carlo
1839 8/2 inaugurazione dell’Accademia Filarmonica in p.San Carlo
1839 16/10 Piena del Po che raggiunge 6,27 metri.
1840 16/1 apre la Casa di Ricovero della Mendicità, sul vialone di Stupinigi (c.Unione Sovietica)
1841 27/12 investitura a palazzo reale del nuovo principe di Monaco Florestano Grimaldi
1842 21/1 Inaugurato il teatro dell’Accademia Filodrammatica, poi Sala Marchisio, Liceo Musicale e teatro Gobetti
1844 4/7 Editto regio per adottare il sistema metrico decimale
1844 inaugurati 6 “scaldatori: locali destinati a ospitare i poveri in inverno
1847 2/10 grave rissa tra soldati di fanteria e artiglieria, con morti e feriti
1847 16/10 con la spinta di Cavour nasce la Banca Nazionale di Torino, futura Banca d’Italia
1848 4/3 Statuto Albertino- libertà di culto ai Valdesi. Diritto al voto per 3151 elettori (2,3% della popolazione).
1848 27/4 prime elezioni in Italia –primo parlamento Subalpino
1848 26/4 concessa la libertà di stampa
1848 In città vivono circa 45.000 esuli
1848 Sedute del Senato a Pal.Madama, della camera a Pal.Carignano
1848 il Vicariato è sostituito dal “Tribunale di Polizia”, futura Pretura Urbana.
1848 1° ferrovia Torino - Moncalieri, poi prolungata fino a Genova
1849 1/1 il barone Demargherita è il primo sindaco eletto
1849 regna Vittorio Emanuele II – 1° biblioteca Civica in città.
1850 Legge Siccardi abolisce privilegi ecclesiastici
1850 Il Ministero delle Finanze cede al Comune i terreni tra il castello del Valentino e la città - nasce il parco del Valentino
1852 12/4 prima linea telegrafica con Genova
1853 1° cinta daziaria. Aboliti I pozzi privati, inizia il servizio di acqua potabile dalla val Sangone.
1856-1857 apertura di via Cernaia
1856 Il mercato dei ferrivecchi trasloca da contrada delle Ghiacciaie (v.Giulio), nella “via principale di Borgo Dora”: il Balon
1856 Scoppio in via delle Dalie (San Salvario) di uno stabilimento di fuochi d’artificio; cinque vittime.
1858 5/1 Un incendio distrugge il teatro Alfieri, da pochi anni costruito dall’architetto Panizza.
1859 II Guerra d’Indipendenza.
1861 14/3 il parlamento vota Vittorio Emanuele II 1° re d’Italia
1862 Inizia la costruzione della Mole Antonelliana - Primo sviluppo industriale cittadino
1863 Il Comune decide la costruzione del Deposito doganale e commerciale (“Docks” a porta Susa).
1863 Soggiorna per otto giorni (10-18/10) lo scrittore russo Fjodor Dostojewsky, accompagnato dall’amica Apollinaija Suslova.
1864 11/1 Incendio al Ministero delle Finanze in piazza Castello: muoiono due soldati.
1864 trasferimento della capitale a Firenze-disordini a Torino (21-22/9)
1864 apertura di p.Statuto
1864 9/12 Ultima seduta del Senato Italiano (prima Subalpino) a palazzo Madama
1865 Dal 26/4 decorre ufficialmente il trasferimento della capitale a Firenze
1865 Demolito il Ghetto vecchio - sostituito dal nuovo.
1865 si estende a tutto il regno d’Italia il regolamento sanitario in vigore nello Stato sabaudo da oltre 10 anni.
1866 Epidemia di colera: 50 casi quasi tutti mortali.
1869 22/2 Inaugurata Biblioteca Pubblica Comunale (attuale Civica), su proposta del consigliere Giuseppe Pomba. al Palazzo Civico
1872 apertura c.Vinzaglio
1877 Primo corso di igiene a livello universitario, tenuto da Luigi Pagliani.
1879 8/12 arriva la luce elettrica (al caffè Romano di piazza Castello)
1878 regna Umberto I
1878 Corso S. Avventore, già del Re, rinominato corso Vittorio Emanuele II.
1881 Inizia il servizio telefonico: i primi utenti sono una dozzina, tra cui l’albergo Europa, la trattoria della Meridiana e la farmacia Torta.
1884 Esposizione Generale, al Valentino. Realizzato il borgo medievale.
1887 In borgo san Salvario si inaugura il primo Bagno Pubblico, con 12 cabine per uomini e 6 per donne.
1887 Prima cremazione nel Cimitero
1889 Inaugurazione della galleria Nazionale, tra via Roma e via XX Settembre.
1889 11 aprile: 1° sciopero generale
1891 1/5 Fondazione della Camera del Lavoro, la prima in Italia. 1895 Nasce il quotidiano “La Stampa””
1897 Fondato lo Sport Club Juventus, Presidente Enrico Canfari.
1898 In piazza d’Armi, il primo campionato italiano di calcio (4 squadre): vince il Genoa F.B.C.
1899 9/9 fondata la FIAT
Fine ‘800 - Corso Vigevano. Esempio di viabilità anulare sul sedime della 1° cinta daziaria, larghezza 51,50 metri (careggiata centrale di 15 metri, controviali di 8 metri con banchine alberate di 7 metri).
Fine ‘800 – Corso Racconigi, esempio di raccordo anulare con banchina centrale, larghezza 36 metri (due careggiate di 10 metri, con banchina alberata centrale di 11 metri).
Fine ‘800 – Corso Vinzaglio. Grande asse rettore progettato durante gli ampliamenti ottocenteschi sul sedime della ex-cittadella,larghezza 56 metri (careggiata centrale di 14 metri e due controviali di 9 metri, con banchine alberate di 9 metri).

1900 19/3 inaugurata prima officina della FIAT
1900 9/1 muore Francesco Cirio pioniere dell’industria conserviera.
1900 regna Vittorio Emanuele III
1901 La Società Belga Torinese dei Trams adotta il sistema delle fermate fisse e non a richiesta .
1901 5/10 Borgo Dora allagato dall’inondazione della Dora.
1903 Sciopero generale, viene ucciso l’operaio Giovanni Garelli da una fucilata di un agente è il primo operaio morto in disordini dovuti a scioperi.
1904 incendio 25-26/1colpisce Biblioteca Nazionale, distrutti 24000 volumi e 2640 manoscritti
1905 Entra in vigore la targa delle automobili. Il numero distintivo della provincia di Torino è il 63
1905 Fondato l’Automobile Club d’Italia
1906 Regolamento unico per le fabbriche di automobili, con orario di 10 ore. E’ il primo caso di contrattazione tra sindacati, operai e industriali.
1907 Ernestina Luisa Macchia-Prola consegue la prima patente automobilistica rilasciata in Italia
1910 1/5 creata la Confindustria
1911 Grande esposizione d Torino
1912 Dopo uno sciopero di 64 giorni riprendono il lavoro gli operai delle fabbriche di automobili.
1913 Corso Trapani, esempio di viabilità anulare di Piano Regolatore sulla cinta “Frola”.


1914 18/4 prima proiezione di Cabiria prodotto a Torino
1914 9/6 Sciopero generale: è la “settimana rossa”. Gli scioperanti tentano di erigere delle barricate in via Roma: sono caricati dalla cavalleria e si verificano serie di scontri, con due morti tra i dimostranti e circa sessanta feriti tra questi e le forze dell’ordine. La Confederazione del lavoro proclama la cessazione dello sciopero, vista la gravità degli incidenti: il lavoro riprenderà perciò nelle fabbriche l’11
1917 22/5 primo esperimento di posta aerea TO-Roma
1917 Giugno: fondata la SNIA
1917 Rivolta: legge marziale la guardia regia si scontra con i dimostranti: 60 morti, 250 feriti
1917 16/9 dichiarato lo stato di Guerra nel territorio di Torino, Genova e Alessandria.
1917 Rifugiati dal disastro di Caporetto in città: il pane viene razionato
1918 Delitto del prete smembrato -
1918 Epidemia di Spagnola-nella fase acuta circa 400 persone al giorno muiono a TO.
1919 3/3 Si costituisce la Società Anonima Stefano Pittaluga, una delle principali industrie cinematografiche dell’epoca. Si trasformerà poi, circa quindici anni più tardi, nella Cines.
1919 26/3 Si costituisce il Fascio di Combattimento, sorto pochi giorni innanzi a Milano per iniziativa di Benito Mussolini. La prima manifestazionea a Torino del partito fascista. Il primo comitato esecutivo è formato da Angelo Cavalli, Giulio Corradini, Luigi Gatto e Mario Gioda.
1919 Fondato l’Istituto Professionale di Stato per l’Arte Bianca e l’Industria Dolciaria
1919 Il presidente USA Woodrow Wilson incontra la folla sotto la pioggia in p.S.Carlo
1919 15-25/3 sciopero delle sartine
1919 2/12 Sciopero generale, gravi incidenti: ucciso dai comunisti uno studente diciannovenne dell’istituto Sommeiller. Piero Delpiano.
1920 L’osservatorio astronomico su Palazzo Madama viene demolito
1920 14/4 Inizia lo sciopero generale che durerà 10 giorni
1920 Gravi incidenti durante il corteo del 1° maggio: in piazza Statuto restano uccisi un agente, Panetta, e due civili, Domenico Arduino e Matteo Dotto.
1921 Iniziano i lavori per il Lingotto
1921 le squadracce fasciscte, guidate da Cesare Maria De Vecchi, bruciano la Camera del Lavoro
1921 27/7 Corso Vittorio Emanuele oltre Po assume il nome attuale di corso Fiume.
1922 autunno Sarah Bernard recita per l’ultima volta nella vita al Carignano
1922 Strage di Torino: attacchi di bande fasciste; De Vecchi guida l’assalto alla Camera del Lavoro, muoiono circa 20 “sovversivi”
1923 aperto il “passaggio delle blatte” che unisce p.Castello al Giardino Reale”
1923 12/5 il re inaugura il Lingotto
1923 Giovanni Agnelli senatore a vita
1924 1/7 Nasce la Famija Turineisa fondata dall’avvocato Giulio Colombini
1924 Vengono incatramati alcuni corsi: Galileo Ferraris, Re Umberto, Montevecchio, Ferrucci, Massimo D’Azeglio, Ponte Mosca (Giulio Cesare), Francia e piazza Castello.
1924 Piero Gobetti fonda i Gruppi di Rivoluzione Liberale
1924 24/10 prima visita di Mussolini capo del governo
1925 Leopold Fleischmann, spacciatore di cocaina, viene ucciso in collina
1925 la partita Genoa-Bologna viene giocata a Torino per sicurezza: scontro a fuoco tra i tifosi a Porta Nuova
1925 20/9 inaugurato il Parco della Rimembranza
1925 2/10 trovati alla Crocetta i primi 3 pezzi del cadavere di Erina Barbero
1925 Riccardo Gualino crea il Teatro di Torino
1925 Toscanini dirige la prima del “Nerone” di Arrigo Boito al Regio
1926 4/1 Muore Margherita di Savoia prima regina d’Italia
1926 1/4 inaugurata la prima linea aerea in Italia Torino-Trieste
1926 Agnelli compra ”La Stampa”
1926 Piero Gobetti muore a Parigi
1926 13/10 Toscanini dirige al Regio
1926 17/10 aperto il nuovo stadio Torino
1927 Esplode il caso Bruneri-Canella (smemorato di Collegno)
1927 Assegnata ad una FIAT-512 la targa “TO-1” che sostituì quella numerica delle provincie(63)
1927 Prima Fiera del libro
1927 30/5 E’ assegnata la targa automobilistica TO-1000.
1928 1/1 E’ assegnata la targa automobilistica TO-10000.
1928 28/1 Inaugurazione del “piano di ferro”, la trincea ferroviaria che congiunge Porta Nuova a Porta Susa.
1928 primo esperimento di trasmissione radio
1928 14/2 muore l’egittologo Schiaparelli
1928 1/5 Apre la scuola di musica “Giuseppe Verdi”
1928 21-05 inaugurata la Fontana Angelica
1928 24/5 inaugurato il Faro della Vittoria alla Maddalena donato dal senatore Giovanni Agnelli
1928 Trasmissioni nazionali iniziano regolarmente da Torino
1929 v.Arsenale 21 diventa sede dell’EIAR
1929 21/9 primo volo della linea TO-MI-Roma
1930 iniziano i lavori per l’autostrada TO-Milano
1930 16/2 Casa Littoria in via Carlo Alberto (attuale palazzo Campana)
1930 19/8 delitto Vercesi
1930 Inaugurato l’Arco del Valentino
1930 Via Pietro Cossa, esempio di raccordo anulare sul sedime della 2° cinta daziaria, larghezza 35,50 metri.
1931 per i lavori di via Roma molti negozi si trasferiscono nelle “Baracche” in p.S.Carlo
1931 Ostensione della Sindone
1931 iniziano i lavori per via Roma nuova
1932 Mussolini visita Torino
1932 La Fiat 508, rinominata Balilla, messa sul mercato
1932 17/4 il mercato della frutta è spostato nella nuova piazza Balilla
1932 23/0 primo esperimento della televisione
1932 25/10 Apre l’autostrada To-Milano
1932 A ottobre inaugurazione di Villa Genero e del sottopassaggio sotto la ferrovia di Milano.
1933 Primo festival della Moda a Torino
1933 14/5 inaugurato lo Stadio Mussolini - poi Comunale
1933 24/9 esposizione della Sindone
1933 Aperto il primo tratto di via Roma nuova
1933 15/11 Iniza l’attività dell’editrice Einaudi
1933 14/12 Chiude l’editore Bocca attiivo a Torino dal 1775
1933 nasce il Museo dell’Automobile
1934 Santificato Giovanni Bosco
1934 Inaugurata la Torre Littoria in via Viotti
1934 31/3 Inaugurazione del cinema Rex, poi Lux
1935 Luis Amstrong suona al Teatro Chiarella
1935 Edoardo Agnelli, figlio del senatore Giovanni, muore in un incidente aereo
1936 9/2 brucia il Tetro Regio (verrà ricostruito solo nel 1973)
1936 La Fiat 500 Topolino è messa sul mercato
1936 10/9 inizia il servizio aereo To-Roma, durata 90 minuti
1937 31/10 completata via Roma nuova - La Fiat inizia a produrre la Topolino
1938 15/4 viene assegnata la targa TO-50000.
1938 in ottobre 10 professori ebrei sono radiati dall’Università.
1938 apre la FIAT a Mirafiori
1938 8/9 apre il Museo del Risorgimento
1938 Per le leggi razziali 10 professori escono dall’Università
1939 15/5 inaugurato lo stabilimento Fiat a Mirafiori
1942 8/12 bombardamento colpisce Biblioteca Nazionale, distrutti più di 15.000 volumi
1944 5/4: fucilazione al poligono del Martinetto del generale Perotti e del Comitato militare regionale.
1945 25/4 liberazione della città. Uccisione di nazi-fascisti, si parla di 2000 esecuzioni
1949 La squadra del Torino perisce nel tragico schianto di Superga
1950 Prima linea automobilistica urbana (A: Porta Nuova-Città Giardino).
1952 Il Ministero della Guerra decide di smilitarizzare la città
1953 1/8 Apre l’Areoporto di Caselle col servizio regolare Torino-Roma.
1955 12/3 La FIAT presenta la 500.
1955 20/10 Inaugurazione del giardino Zoologico al parco Michelotti.
1959 La città ospita la prima Universiade
1960 Universiadi
1961 84.000 immigrati: viene superato il milione di abitanti, il neonato Marco Arduino è il milionesimo abitante
1961 A novembre inaugurato il nuovo quartiere delle Vallette
1962 7/7 scontri sindacali in p.Statuto: 1.215 fermati, 90 arrestati, 169 agenti feriti
1966 Giovanni Agnelli sostituisce Vittorio Valletta al timone della Fiat dal 1945
1969 32.000 immigrati nei primi sei mesi dell’anno
1970 Universiadi
1971 La Fiat demolisce le vecchie Ferriere di corso Mortara
1973 Viene demolito il mattatoio di c. Vittorio Emanuele. Riapre il teatro Regio
1980 14/10 La Marcia dei quarantamila mette fine a un mese di scioperi
1983 La Sindone diventa proprietà del Vaticano per testamento di Umberto II
1983 Inizia la riconversione del Lingotto.

2003 muore Giovanni Agnelli
2004 muore Umberto Agnelli
2006 Olimpiadi invernali